Nei corsi di questi mesi mi avete chiesto in tanti dei buoni titoli di libri sull’hand lettering da acquistare. E così eccomi qui a fare delle mini recensioni su quelli in mio possesso e che ritengo molto validi.
In lingua italiana la bibliografia sull’argomento è davvero scarsa. Credo esista solo un testo tradotto dall’inglese, che mi è capitato fra le mani di recente e di cui parlerò in seguito… per sconsigliarvelo 😉
Perciò, a parte questa eccezione, tutti i testi che vi proporrò sono in lingua inglese e quindi dovrete armarvi di dizionario in caso non mastichiate la lingua.

Per chi vuole iniziare.

Hand lettering Ledger (Mary Kate McDevitt)
Mary Kate è la migliore! E’ il primo libro di tecniche di hand lettering che ho comprato e me ne sono subito innamorata. L’ho usato mille volte per ispirarmi e trovare qualche soluzione originale per dei lavori.
Ci sono molti esempi di hand lettering e tutte le caratteristiche che diversificano gli stili. Concetti di base semplici per iniziare a districarsi in questo mondo. Inoltre alla fine del libro ci sono schede di esercizi molto utili per fare allenamento 🙂

Mary kate mcdevitt recensione
Per chi vuole un hand lettering solido e con delle ottime basi: sia per principianti che per esperti.

The ABC of Custom Lettering: A practical guide to drawing letters (Ivan Castro)
E’ il libro più completo che ho sull’hand lettering nella mia biblioteca e inizia con una nutrita prima parte sulla calligrafia. Una volta appresi i fondamenti della calligrafia si passa a disegnare le lettere. E’ sicuramente quello con il percorso più rigoroso e preciso per consolidare le proprie conoscenze di hand lettering. Se ne volete sapere di più vi rimando alla recensione che ne ho fatto qualche mese fa.

Per chi vuole imparare la precisione del vettoriale

In progress (Jessica Hische)
Jessica Hische è un mito. E’ stata “allieva” di Louise Fili (parlo anche di lei più avanti, tranquilli) il che dice tutto. Se frequentate pinterest e spulciate internet avrete sicuramente visto le sue copertine per la Penguin e i suoi lavori sulle copertine di grandi classici.
Nel suo libro svela il suo modo di lavorare e di come usa Illustrator. Lei è una di quelle precisissime dove ogni curva e ogni linea è perfetta e in questo libro spiega come ottiene la raffinatezza dei suoi definitivi. E’ pieno inoltre di suoi lavori con schizzi e considerazioni sui processi creativi.

jessica hische recensione

Per chi vuole un libro di hand lettering applicato alla grafica.

Elegantissima (Louise Fili)
Come promesso eccomi a parlare di Louise Fili. Lei è, credo, una delle più esperte di lettering vintage. Ha girato in lungo e in largo l’Italia fotografando scritte e insegne vintage di negozi e ha pubblicato diversi libri che raccolgono le migliori (ve li consiglio tutti!)
In questo libro mostra alcuni dei suoi lavori come grafica, nei quali usa sapientemente tutte le sue conoscenze di lettering vintage e i risultati sono favolosi!

Lousie Fili

Per chi vuole dei libri per allargare gli orizzonti

Little book of lettering (emily Gregory)
Una completa raccolta di artisti e esempi di hand lettering ai quali ispirarsi. Si divide in tre categorie: hand lettering digitale, hand lettering a mano e illustrazione e hand lettering 3D.

Drawing type (Alex Fowkes)
Altra raccolta piuttosto completa di artisti e dei loro lavori. Nel finale del libro ci sono anche degli esercizi per iniziare ad apprendere l’hand lettering ma sono decisamente trascurabili.

——————————————————————————

E per finire il libro che magari… no!

Lettering creativo ma non solo (Laura Lavender)
Eccolo qui l’unico testo che mi sento proprio di sconsigliarvi… ed è proprio l’unico in Italianoo! Buuuuhh!
E’ una traduzione dall’inglese e come il libro di Castro parte dalla calligrafia, ma con che risultati tragici!
Parte bene con esercizi di aste e cerchiolini e la spiegazione degli strumenti, ma poi, quando arriva al “creare” un alfabeto personalizzato, tutte quelle nozioni usate in precedenza si perdono completamente. Non parliamo poi della parte in cui pretende di insegnare gli “svolazzi” a pennino!
La parte sull’hand lettering è per lo meno discutibile. Sembra che a malapena insegni a ricalcare dei font e delle scritte in corsivo  e pure in modo stentato, senza considerare le regole, che in teoria, si sarebbero dovute apprendere dalla sezione sulla calligrafia. E le composizioni che suggerisce come esempi a cui ispirarsi sono a dir poco imbarazzanti.
No, no, se dovete spendere i vostri soldi in libri sull’hand lettering, questo è proprio il tomo da evitare.