Non ci era mai capitato che un nostro lavoro avesse un tale successo e soprattutto una simile diffusione. Il traguardo più grande della nostra carriera (in numero di copie stampate) era stato il design dei tappi delle bolle di sapone. Sì, i labirinti con pallina sono opera nostra (#soddisfazionivere) e vengono ristampati ormai da quindici anni.

E ora invece la copertina delle Rebel Girls è ovunque, in tutte le salse, in tutte le dimensioni. E’ stata definita “furba” e “ammiccante”… forse non erano esattamente dei complimenti accorati ma noi prendiamo tutto.

Siamo state contattate per realizzare la copertina di Goodnight Stories for Rebel Girls l’estate scorsa e il progetto ci è subito sembrato interessante: un libro tutto dedicato alle bambine, per ispirarle e aiutarle a essere ribelli e sognatrici, a credere che tutto è possibile se lo vogliono (e mi sa che è una cosa che stanno insegnando anche a noi :P)

Le committenti del lavoro, le fantastiche Francesca e Elena di Timbuktu, erano le stesse autrici del libro e il progetto si sarebbe autofinanziato con un crowdfunding, e questo voleva dire che, per una volta, non ci sarebbe stata di mezzo nessuna casa editrice. Niente schiere di art director pronti a suggerire, valutare, modificare, considerare, solo il contatto diretto con le autrici. Ed è proprio questo ci ha permesso di agire in piena libertà.
Gli astri dovevano già essere ben allineati, perchè la copertina è nata così come la vedete praticamente al primo tentativo ed è subito piaciuta.

Se siete curiosi di come è nata la copertina e di quali sono le fasi di lavorazione di un simile lavoro, eccole qui passo a passo.

Indicazioni preliminari ricevute da Elena e Francesca.

Titolo: “Good night stories for Rebel Girls”
Consegna: Copertina in hand lettering di 100 storie per la buona notte rivolte a un pubblico di bambine e ragazzine. 100 storie di 100 donne straordinarie che potessero ispirarle.

In secondo piano il sottotitolo e i nomi di alcune di queste donne.
Target: 8 -10 anni
Esempi di libri simili in vendita indicati dal cliente: The Gutsy Girl, che piaceva particolarmente per le lettere un po’ “a sbalzo” della copertina.

Come abbiamo proceduto:

Dopo un selvaggio brain-storming, abbiamo individuato gli elementi che avrebbero dovuto risaltare di più nella copertina e la loro gerarchia.
Rebel Girls, le destinatarie del libro, erano ovviamente le due parole più importanti.  A loro avremmo riservato i caratteri con più particolari e decorazioni e i colori più sgargianti.
Goodnight e stories sarebbe dovuto saltare all’occhio in un secondo momento, ma non essere troppo nascosto.
Inoltre, non essendoci un’illustrazione per decorare la pagina, avevamo la possibilità di arricchire la composizione con decori e elementi attinenti. C’era l’elemento notturno (quindi luna e stelle) ma anche l’aspetto dei sogni e della magia, suggeriti da queste storie.

Moodboard:

Per l’ispirazione ci siamo rivolte ai nostri artisti preferiti e abbiamo raccolto qualche immagine per entrare nel mood della composizione (pinterest è il migliore amico di tutti).

Schizzi:

Realizzando alcuni piccoli schizzi di composizione abbastanza lineare, abbiamo poi deciso che il carattere “ribelle” del libro dovesse trasparire anche dalla disposizione delle parole. Abbiamo quindi optato per delle linee di base delle parole più “movimentate”.

 

Composizione:

Una volta stabilita la disposizione e la grandezza delle parole, è stato il momento di aggiungere le stelle, la luna e gli altri elementi di testo. Notare la prima costellazione totalmente balorda vicino alla luna che poi è diventata il Gran Carro.

rebl girls cover

Proposte colore:

E poi si è trattato di presentare delle proposte colore. Quelle su sfondo bianco, effettivamente, non avevano molta ragione di essere, ma spesso i colori troppo scuri tendono a non essere favoriti in editoria. La seconda variante scura invece, aveva dei colori decisamente troppo freddi.

Variazioni colore bambine ribelli

Finalmente il definitivo!

L’ultima vera lotta si è svolta tra Luisa e nomi di tutte quelle donne… nel riuscire ad incastrarli bene e a non scambiare tutte le lettere come al suo solito. Sotto vedete anche una diversa variante dell’interno con tutti i nomi. Un po’ troppo fitta forse.

pattern stelle rebel girls